domenica 6 maggio 2012

Posso uccidere mia sorella?


Mia sorella era una di quelle donne che all'arrivo del ciclo pativa i dolori dell'inferno, anche se mi sono sempre chiesta quanto fossero reali dato che sembra che questi dolori insopportabili non facessero la loro comparsa in occasione di gite e/o simili. Tutti le hanno sempre suggerito di prendere la pillola, cosa che lei fino a pochi mesi fa ha sempre rifiutato per paura di ingrassare. Finalmente si è decisa di andare da un ginecologo che l'ha tranquillizzata sulle controidicazioni  (il ragazzo secondo me ha un certo ruolo in merito) e finalmente sta prendendo questa benedetta pillolina.
Ciccia in eccesso non ne ha messa, i dolori lancinanti sono scomparsi del tutto, solo che adesso è fissa in crisi premestruale dato che ogni tre per due le prende una crisi isterica. Io sono dell'opinione che ci stia marciando sopra, che certamente avrà degli sbalzi umorali che lei volontariamente e consapevolmente incrementa. Posso capire che anche lei è in quella fase della vita in cui si dovrebbe decidere se andare a destra o a sinistra, capisco che la strada che stai seguendo non sembra portare da qualche parte e sai anche che le altre strade non sono meglio di quella di adesso, so anche che i nostri familiari non sono capaci di aiutarti a prendere certe decisioni ... per meglio dire i nostri si rifiutanto di aiutarti, al massimo ti possono lanciare qualche messaggio subliminale che dovrebbe farti capire che stai sbagliando ... peccato che molto spesso questi messaggi tu non li recepisci a livello coscente e loro non hanno le palle per prenderti in un angolo e dirti quello che ti devono dire.

Comunque questi sbalzi di umore di mia sorella iniziano a starmi sul culo perché sembra che lei sia l'unica sacrificata della famiglia.