domenica 14 ottobre 2012

Pessima nottata

Quesa notte è stata pessima, mi sono svegliata verso le 4:00 e non sono più riuscita a riprendere un sonno regolare.
All'inizio pensavo che fosse colpa del tempo, quando ho sentito piovere la mia testa si è subito alleggerita e mi sono riaddormentata, ma è durato poco. Mi sono risvegliata e la mia mente è entrata in un loop di pessimi pensieri che sono sfociati in due "mini incubi".

Ogni tanto mi capita di avere quelli che io definisco "mini incubi", non sono quelli che ti fanno svegliare di colpo madida di sudore, quando li faccio so che sto sognando, sono coscente del fatto che è "finzione", ma quando arriva il colpo di scena ho sempre un colpo al cuore, un sussulto, ... e resto agitata per un tempo più o meno lungo.

Francamente non ricordo il primo "mini incubo", del secondo ricordo che ero ad una sorta di festa, credo, andata a monte perché per qualche motivo non c'era da mangiare. Io dovevo raggiungere due  persone, che avevano un certo ruolo che adesso non ricordo, e se non sbaglio almeno una delle due era in qualche modo legata al mio passato. Quando le due persone mi hanno detto di raggiungerle mi sono voltata e, naturalmente, erano sparite. Io le ho cercate senza successo fino a che sono salita su una sorta di tramvia dove sono rimasta sola. Ad un certo punto la tamvia ha sfregato la fiancata di una macchina parcheggiata troppo vicina alle rotaie, questo è stato divertente, ma poi sulle rotaie e caduto un uomo, che doveva riprende un bambino che non si voleva togliere da mezzo alle rotaie ... so solo che la me del sogno si è comperta gli occhi ed ha iniziato a gridare "FERMA! FERMA!" ed il "mini incubo" è praticamente finito.
Dopo questo secondo "mini incubo" riprendere sonno è stato impossibile. A completare la nottata ci si è messa la televisione dei miei a tutto volume per vedere il GP di F1.

Il loop di pessimi pensieri in cui cadevo costantemente erano legati alla mia vita, a come tutti intorno a me, anche se i tempi sono pessimi, sembrano riescano a realizzarsi nella vita. Tutti riescono negli studi, tutti trovano un compagno/ una compagna, tutti trovano un lavoro ... io non ho niente di tutto questo ed ogni giorno che passa mi sento sempre di più una fallita.

Il lavoretto con il contratto a progetto che ho trovato peggiora le cose, all'inizio pensavo che sarebbe stata la mia salvezza, se va avanti così non mi meraviglierei se mi facesse venire un esaurimento nervoso.