sabato 17 luglio 2010

Pane e Veleno


Pane e Veleno è quello che c'è tutti i giorni nel mio piatto, non passa giorno che mia madre non abbia da sparare a zero sull'uomo che ha sposato. Sia ben chiaro, io non son dalla parte di mio padre, ci sono tante troppe colpe che gli addosso, quello che non sopporto è che ormai le critiche sono la nostra quotidianità, non passa giorno che non ascolti le lamentele di mia madre che poi sono sempre le stesse, giorno dopo giorno.
Ultimamente ho il morale a terra e devo fare un grande sforzo per trattenere le lacrime, non lo faccio per vergogna, perchè le lacrime si addicono solo alle donnicciole, ma perchè non saprei spiegarle e so benissimo che mia madre non capirebbe il mio stato emotivo, lei si limiterebbe a liquidare il tutto con le tipiche frasi del tipo "se pure io dovessi piangere per tutto quello che non mi piace ..."
Questa notte ho provato a piangere, desideravo farlo, volego sfogare tutta la mia frustrazione, invece sono uscite solo due lacrime, due tristi e solitarie lascrime che non si sono portate con se il magone che sento dentro. So che dovrei fare qualcosa per cambiare tutto questo, che dovrei rivoluzionare la mia vita, ma ora come ora è come se mi mancassero i mezzi per mettere in pratica la rivoluzione e non sapessi dove andare a cercare i fondi.