mercoledì 30 giugno 2010

Valle di Lacrime


Questo post potrebbe subire una improvvisa interruzione a causa dell'arrivo di persone che non voglio leggano quello che scrivo.
Oggi ci siamo sentiti con il figliol prodigo e stiamo tutti annegando in una valle di lacrime (a parte me naturalmente), mia madre per un conto mia sorella per un altro ... io me ne sbatto i coglioni, a me la cosa non fa ne caldo e ne freddo, non sono in trepidante attesa di un suo ritorno, capisco le motivazioni dei miei genitori e capisco le motivazioni di mia sorella, ma nessuna mi appartiene. Ho il cuore di pietra? Non lo nego, ma ora come ora la cosa non crea mi problemi ... forse proprio perchè ho il cuore di  pietra :p
Spero solo che nei prossimi giorni non ci saranno discorsi su lui, con mia madre che ribadisce le sue ragioni, mia sorella che si atteggia a donna di mondo, a donna matura ... non che non lo sia, ma ... non so come spiegare, in questo periodo secondo me ha degli atteggiamenti che non le vedo addosso, probabilmente tutto questo l'ha fatta maturare ed io ancora devo accettare il fatto.
Tutti giustamente sentono la sua mancanza a parte me, anche perchè la gente non capisce che non è che prima lo vedessi molto più di ora, c'erano dei periodi in cui durante la settimana non lo vedevo, se non il tempo di dire "buona notte", lo vedevo al massimo la domenica a pranzo e cena ... e avrei preferito non vederlo perchè spesso partivano delle inutili polemiche familiari su discorsi banali, quando l'unica cosa che mi interessava della domenica era pranzare in modo decente, con calma ed in tranquillità. Mia sorella invece ha subito il colpo, lei sente moltissimo la sua mancaza e credo che farebbe di tutto per farlo toranre. Anche a me il suo ritorno preme, ma per un altro motivo, perchè la sua partenza ci ha messo tutti in una situazione di stand by, tutti ci stiamo adoperando per tappare i buchi della sua azzenza e per fare in modo che se decidierà di tornare trovi una situazione ottimale, non vogliamo lasciare che tutto il suo lavoro vada a puttane. Questo però ha comportato il reinvio di alcune decisioni, decisioni che ammetto non ho proprio voglia di prendere e per cui questo rinvio autorizzato mi fa comodo, ma ... diciamo che comunque la situazione non mi piace, non vedo l'ora che lui torni, prenda le sue decisioni e lasci a noi la libertà di prendere o meno le nostre.

Che dire, siamo qui in attesa, siamo qui a dire e ridire le stesse cose perchè non ci viene dato nuovo materiale su cui ragionare, siamo qui ad aspettare che lui faccia una mossa. Da una parte gli stringo la mano per la prova di coraggio di cui non lo credevo capace, dall'altro gli vorrei tirare un pugno sui gioielli perchè se da una parte la sua è stata una prova di coraggio dall'altra è stata una grande vigliaccata, tutto dipende da come si vede la cosa, entrambe le opzioni sono valide